JEAN-ÉRIC VERGNE – RE DI BERNA

Berna, 22 giugno 2019

Jean-Éric Vergne ha messo a segno una performance epica nel corso dell’E-Prix svizzero,

conquistando la pole position, la vittoria e il trofeo voestalpine come miglior pilota nelle gare europee.

Il pilota DS TECHEETAH vanta anche il primato di una pole position conquistata

partendo dal Gruppo 1 e il primo con tre vittorie all’attivo in questa stagione.

André Lotterer, partito in ottava piazza e rimontato fino al quarto posto con una serie di magnifici sorpassi, è stato retrocesso alla quattordicesima posizione per una penalità inflitta a causa di un’incomprensione tra il pilota e il team.

Mark Preston, Team Principal DS TECHEETAH :

« Jean-Éric era in gran spolvero oggi e merita questa vittoria, ma devo comunque congratularmi con tutto il team per il lavoro che ha portato a questo incredibile risultato. La situazione attuale ci vede ancora ai primi posti delle classifiche Piloti e Team, in vista della manche di New York, con rispettivamente 32 e 43 punti di vantaggio. Anche se sembra importante, questo gap non ti mette totalmente al sicuro in Formula E. Mancano ancora due gare e i punti da conquistare sono ancora molti. »

Xavier Mestalan Pinon, Direttore DS Performance:

« Complimenti a JEV e a DS TECHEETAH per questa eccezionale terza vittoria, che ci avvicina ulteriormente ai due titoli della stagione. Le recenti messe a punto ci hanno consentito un reale vantaggio in questa gara. Ringrazio ancora tutto il team per l’eccezionale lavoro svolto»

André Lotterer, 14°:

«Questa penalità così pesante dopo il lavoro fatto per risalire in classifica è decisamente frustrante. È un duro colpo; i punti del quarto posto sarebbero stati preziosi nella lotta per il titolo. Ma non dobbiamo perdere la concentrazione e prepararci per New York, per chiudere in bellezza la stagione. »

Jean-Éric Vergne, vincitore:

« Il team ha lavorato così bene che sarebbe stato impossibile fare di meglio. Gli ultimi giri sotto la pioggia sono stati stressanti e sono stato prudente : era preferibile concludere secondi che finire contro un muro. Anche con la ferma intenzione di vincere, era necessario fare attenzione. Il week end è stato fantastico per il team con la pole position, la vittoria e qualche punto in più nei due campionati. È andato tutto bene e sono orgoglioso del lavoro che abbiamo fatto. »