Rivelazioni dal manifesto M.i. 21 
Con M.I. 21, DS Automobiles svela i suoi interni futuri
Parigi, 7 giugno 2023

DS DESIGN STUDIO svela M.i. 21, uno dei suoi strumenti di ricerca, illustrando la visione del Brand sui futuri interni.

 

Questo mezzo di ricerca, strettamente per uso interno, dà forma concreta alle riflessioni congiunte dei team di progettazione e prodotto su nuovi concetti, sagome originali, sviluppi tecnologici, ergonomia ripensata e HMI (Human-Machine Interfaces) e CMF (Colori, Materiali e Finiture) esplorazioni.

 

Il manifesto è anche un prezioso strumento di comunicazione all'interno del Brand, con l'engineering e il top management del Gruppo. È anche uno stimolo creativo per il team di progettazione di DS. A differenza di una concept car, un manifesto incorpora alcuni vincoli normativi, industriali ed economici per garantire un rapido lancio della produzione.

 

Con il manifesto M.i. 21, DS condivide la sua visione con il pubblico per la prima volta, in occasione di Révélations, la vetrina internazionale biennale di artigianato e creazione tenutasi a Parigi al Grand Palais Ephémère dal 7 all'11 giugno 2023. 

 

"Révélations è un evento dedicato al know-how, all'artigianato e all'eccellenza degli artigiani. Siamo presenti dal 2019. È l'occasione per incontrare un pubblico sensibile all'avanguardia, ai materiali belli, allo stile, al know-how e al design. È interessante raccogliere le loro impressioni, sensazioni e commenti, come un test a grandezza naturale con esperti. La nostra partecipazione a Révélations ci dà anche l'opportunità di trasmettere la nostra attenzione per le creazioni DS x MÉTIERS D'ART, che ci permette di proiettarci ancora oltre."

Thierry Metroz, DS Automobiles Styling Director

Ideato da Thomas Bouveret - Head of Interior Design - Vincent Lobry - Head of CMF Design - e dai loro team, il manifesto M.i. 21 reinterpreta i codici degli interni di domani al servizio dell'arte del viaggio. Si concentra in particolare su: 

 

Luce

La luce contribuisce al benessere all'interno dell'abitacolo. Che sia diretta o indiretta, per dare leggerezza agli elementi e portare una nuova dimensione ai materiali, avrà un ruolo importante nell'esperienza sensoriale a bordo, flessibile, intelligente e connessa al suo ambiente. I cerchi nelle porte diventano anelli di luce, sublimando i materiali che mostrano.

 

Volumi

Rispetto al passato, l'architettura offre più spazio. Lo spazio è stato liberato facendo sollevare il cruscotto e spingendolo in avanti. Il pavimento è stato liberato e ridisegnato, senza tunnel centrale o console, e le superfici in vetro sono state aumentate per offrire più spazio, libertà e serenità a bordo. Storage si ispira al mondo dell'arredamento. Un sottile gioco di equilibrio tra materiali, sensazioni al tatto e distribuzione dei volumi per offrire una sensazione di benessere.

Suono

Durante un viaggio, il suono permette alla mente di fuggire. Contribuisce all'impostazione estetica della cabina. Riflette anche la qualità acustica degli interni di DS Automobiles. Il suono fa parte del viaggio: può amplificare l'esperienza o scomparire per dare una sensazione di completezza. Il sistema audio è stato ampiamente ripensato per porre fine al costante eccesso di componenti negli impianti e per risparmiare spazio e volume. Il lavoro illustrato sul manifesto è più appagante dal punto di vista visivo e più in armonia con uno stile fluido e ordinato. L'intero impianto audio è stato raggruppato su un elemento centrale, diventando un oggetto emblematico attraverso il suo design, il suo posizionamento nell'abitacolo e l'illuminazione che lo accompagna.

Immersione

Il rapporto tra uomo e macchina è stato ripensato. Con la DS AERO SPORT LOUNGE presentata nel 2020, avevamo già iniziato a pensare a degli interni dall'aspetto meno invadente e più magico. Queste informazioni sono state proiettate su un pannello di raso di cotone. La scomparsa degli schermi era destinata a ridurre il sovraccarico mentale e la ridondanza delle informazioni. La tendenza ad aumentare le dimensioni e il numero di schermi è comune a tutti i produttori. Ma spenti, questi schermi non hanno un vero valore estetico. L'idea è quella di trovare una tecnologia che fornisca le informazioni attese senza sacrificare la qualità e l'appeal sensoriale. Con il manifesto M.i. 21 si sta sperimentando una soluzione innovativa utilizzando una proiezione su un pannello che può essere reso opaco per visualizzare informazioni, o trasparente per rivelare materiali. L'unica concessione agli schermi sono quelli nelle porte, dedicati alle telecamere di retrovisione. Il sistema è controllato dalla voce o da un sistema di controllo remoto nel bracciolo centrale. 

 

La dimensione artistica 

Uno degli obiettivi del manifesto M.i. 21 è quello di fare un ulteriore passo avanti nell'offrire una soluzione personalizzata, arricchita da un vero e proprio oggetto d'arte. Ognuno può farlo proprio, secondo il proprio gusto. L'espressione artistica è un'esperienza edificante. L'assenza di altoparlanti libera spazio nelle porte. Questo spazio viene reinvestito per ripensare alcune aree di stoccaggio e ridefinire uno spazio più ampio dedicato all'espressione del know-how. Questa zona di espressione artistica è senza precedenti. I cerchi rappresentano una geometria perfetta e una forma di rassicurazione. Essi evidenziano e differenziano la cabina, con una forte firma e un design grafico.